Sezione di Polizia Giudiziaria tumori professionali

La Sezione di P.G. Tumori Professionali è incardinata nella Procura della Repubblica di Torino come ufficio "servente" del gruppo di magistrati che si occupa, tra l'altro, delle malattie professionali e dei reati a valenza sanitaria in genere. La Sezione ha iniziato la sua attività come "Osservatorio Tumori Professionali" nel settembre 1992, da un'idea del dr. Raffaele Guariniello, allora Pretore presso la Pretura Circondariale di Torino. Discusse del progetto con il dr. Adelmo Ottino, che in quegli anni ricopriva il ruolo di responsabile del Sistema Informativo presso il Servizio Igiene e Sicurezza del Lavoro della USSL di Torino. L'obiettivo principale dell'Osservatorio fu l'identificazione delle possibili associazioni tra tipo di lavoro e specifiche patologie per le quali è riconosciuto un forte nesso di causalità fra esposizione e neoplasia: mesoteliomi della pleura e del peritoneo, angiosarcomi del fegato, adenocarcinomi delle fosse nasali e dei seni paranasali, tumori dello scroto. Furono inoltre presi in considerazione i tumori della vescica come primo esempio di tumori frequenti ma a bassa frazione eziologica professionale. Grazie al supporto di personale proveniente da diversi Enti (all'inizio ASL di Torino poi Arpa Piemonte, ASL di Settimo, CSI Piemonte, Corpo della Polizia Municipale di Torino, Corpo forestale) l'Osservatorio iniziò costruendo per prima cosa un sistema informativo ed una procedura informatica atti a gestire il flusso delle informazioni da raccogliere, e quindi venne realizzata una rete informativa comprendente le strutture sanitarie competenti territorialmente, al fine di raccogliere le segnalazioni dei casi relativi alle patologie individuate. Attualmente l'ambito di competenza territoriale prevalente è quello corrispondente al circondario della Procura di Torino, corrispondente a gran parte della Provincia di Torino. La Sezione di P.G. Tumori Professionali è situata a Torino in c.so Vittorio Emanuele II negli spazi della ex casa circondariale Le Nuove.

MODALITA' OPERATIVE

E' stata predisposta apposita scheda, utilizzata in tutti gli ospedali pubblici e case di cura private, che consente ai medici di reparto la raccolta mirata, per le patologie individuate, dei dati anagrafici e di anamnesi lavorativa. La qualità dei dati raccolti è altresì garantita da un controllo incrociato, con gli archivi dell'INAIL, INPS e di altri Enti esterni. La completezza delle informazioni rispetto a tutti i soggetti diagnosticati, nonché l'acquisizione di diagnosi certe e verificate, è stata ottenuta richiedendo una ulteriore segnalazione ai Servizi di Anatomia Patologica che inviano alla Sezione copia di tutti i referti citologici ed istologici effettuati (Diagramma a flusso del sistema informativo della Sezione). Per i casi ritenuti necessari di un primo approfondimento vengono effettuate specifiche indagini (sommarie informazioni testimoniali a pazienti o loro familiari) utilizzando appositi moduli somministrati da funzionari della Polizia Municipale del Comune di residenza del soggetto. Per avere un'idea dei numeri di casi trattati, suddivisi per patologia, si può consultare la tabella riportata a fine documento.

PERSONALE

L'organico attuale dell'Ufficio è costituito da personale distaccato a tempo pieno (proveniente da Enti esterni quali Comune di Torino, ASL, CSI, Arpa) e da personale di supporto per l'analisi tecnico-sanitaria dei dati ( medici e funzionari di Enti competenti per tematiche specifiche, quali Corpo Forestale dello Stato, ASL, INAIL, INPS). Sono inoltre presenti funzionari Arpa Piemonte che si occupano di curare più specificatamente fascicoli penali legati alle malattie professionali da esposizione ad amianto.

INDAGINI

I dati analizzati dalla Sezione hanno consentito di sviluppare specifiche indagini su casi di malattie professionali sia relativamente a piccole realtà produttive sia per procedimenti riguardanti coorti di lavoratori dipendenti in stabilimenti di dimensioni più rilevanti, quali ad esempio: Pirelli, Michelin, Eternit, SIA, Amiantifera di Balangero. Inoltre sono state svolte indagini di approfondimento nell'ambito del Doping, cause di decesso nello sport (Calcio, Ciclismo, Rugby), SLA nel Calcio…

ARCHIVI AZIENDALI

La Sezione si avvale di archivi aziendali quali, per esempio, quelli relativi ad acquisti e vendite di prodotti contenenti amianto. E' così possibile ricostruire esposizioni ad amianto in ditte che hanno acquistato tali tipologie di manufatti.

Ad esempio, la registrazione informatica di tutte le fatture commerciali della ditta SIA consente agli Spresal e/o agli altri Enti che svolgono indagini di ricostruire tipologie e quantitativi di manufatti contenenti amianto acquistati da ditte clienti della SIA.

Totale casi segnalati (dal 1993 al settembre 2016): 31.288
Distribuzione per patologie principali
Tumore della vescica 77,52 %
Mesotelioma pleurico 7,97 %
Tumore laringe (*) 6,07 %
Tumore cavità nasali 2,13 %
Mesotelioma peritoneale 0,65 %
Altre patologie 5,66 %
(*) La rilevazione dei tumori alla laringe è iniziata nel settembre 2000.
Numero casi segnalati 31.288
Di cui
Casi non oggetto di successive indagini 28.294
Casi sottoposti ad un successivo approfondimento 1.911
Casi inviati ad altre Procure 1.083
Numero di ditte oggetto di anamnesi lavorative 1.794
Numero di comparti produttivi 279